Eventi

Google Cloud Next ’22: accento sull’open data cloud

All'evento, ha confermato l'apertura alle collaborazioni e verso la cyber sicurezza e la sovranità dei dati. Ecco le principali novità, BigQuery e il supporto esteso per formati di dati come Apache Iceberg [...]
Google Cloud Next '22: accento sull'open data cloud
  1. Home
  2. News
  3. Google Cloud Next ’22: accento sull’open data cloud

Al suo evento annuale Google Cloud Next 2022, lo scorso 12 ottobre, Google Cloud ha presentato una serie di nuovi prodotti e servizi, all’insegna del modello open data cloud.

Google ha confermato l’apertura alle collaborazioni e verso le architetture e le fonti più varie dei dati. Ma soprattutto si è focalizzata sulla cyber sicurezza e sovranità dei dati, requisito indispensabile per guadagnare la fiducia dei governi e, dunque, le infrastrutture governative.

Ecco cosa sono BigQuery e il supporto esteso per formati di dati come Apache Iceberg, le principali novità dell’evento.

Google Cloud Next 2022

Nell’evento annuale dedicato a Google Cloud, la BigG si rivolge a sviluppatori e IT manager. L’obiettivo è fare il punto sui progressi e valutare le prospettive delle tecnologie cloud, iniziando dal confronto con gli esperti e dalle best practice che emergono dai percorsi aziendali di trasformazione digitale.

Il cloud di Google, ha una vocazione open e trasformativa, che punta a incrociare le necessità espresse in State of The Cio 2022: gestione del rischio e cybersecurity, investimenti nella modernizzazione applicativa (business analytics), customer experience e collaboration e, infine, gli investimenti in hybrid cloud/public cloud. Lo scenario multicloud serve a fugare dubbi e paure per eventuali lock-in, come osserva Gartner, secondo cui, entro il 2025, il 90% gli ambienti data/analytics prediligeranno un ecosistema come ambiente di deployment.

Lo sviluppo di data cloud intelligence, modernizzazione delle infrastrutture, le esigenze di hybrid workplace sicuro sono elementi caratterizzanti di Google Cloud Next 2022.

Dati di mercato: verso il primo trilione

A fare da cornice all’evento di Google è natralmente il mercato dei servizi di public cloud, passato da 198 miliardi di dollari nel 2018 a 505 miliardi di dollari. Secondo il Public Cloud Services Tracker di Idc (maggio 2022), s prevede che nel 2026 il mercato varcherà la soglia dei mille miliardi (1,06 trilioni di dollari).

I processi AI-driven e data-dtivem trainano il mercato. Le tendenze maggiori spettano a multicloud e hybrid cloud, che si stanno affermandonei vari settori.

Fari accesi su BigQuery

WHITEPAPER
Analytics nel cloud: ecco gli 11 benefici che devi conoscere!
Cloud
Business Analytics

Il grande annuncio a Google Cloud Next è stato BigQuery. Il provider cloud ha annunciato che sta lanciando una nuova funzionalità. Punta ad analizzare i dati non strutturati e in streaming in questa piattaforma di data warehouse serverless. In precedenza, la piattaforma gestiva solo dati strutturati da database operativi e applicazioni SaaS come Adobe, SAP e ServiceNow.

L’aggiunta di consentire a BigQuery di supportare dati non strutturati espande la sua base di utenti. E consente alla piattaforma di lavorare con più tipi di dati.

Inoltre, Google Cloud ha lanciato Datastream per BigQuery progettato per aiutare le organizzazioni a replicare in modo più efficace i dati in tempo reale, da fonti come AlloyDB, PostgreSQL, MySQL e database di terze parti come Oracle, direttamente in BigQuery.

Un altro aggiornamento di BigQuery vede un supporto esteso per nuovi formati di dati, tra cui Apache Iceberg. Il data warehouse otterrà anche il supporto per Linux Foundation Delta Lake e Apache Hudi. “Presto”, ha detto la società.

“Supportando questi formati di dati ampiamente adottati, possiamo aiutare le organizzazioni a ottenere il massimo valore dai loro dati più velocemente”, si legge in un post sul blog.

Espansioni e integrazioni

Ultimo ma non meno importante, Google Cloud ha presentato una serie di aggiornamenti e integrazioni con diversi partner, tra cui MongoDB, ServiceNow, Sisu Data, Collibra e Palantir.

I nuovi aggiornamenti e integrazioni consentiranno agli utenti di spostare facilmente i dati tra le piattaforme preferite.

“Offrire ai clienti la flessibilità di lavorare su tutte le piattaforme dati di loro scelta è fondamentale per prevenire il blocco dei dati”, ha concluso Kazmaier.

Data Studio è ora Looker Studio

Google ha anche annunciato che Data Studio, lo strumento online della piattaforma cloud per convertire i dati in report informativi e dashboard personalizzabili, è ora Looker Studio.

Il cambiamento non riguarda solo il nome: il rebrand fa parte dell’azienda che unifica la sua soluzione Looker con Data Studio per creare un’unica offerta per “andare oltre i dashboard”.

Looker Studio consentirà agli utenti di “infondere nei flussi di lavoro e nelle applicazioni l’intelligenza necessaria per prendere decisioni basate sui dati”.

Lanciata in Cloud Preview, la versione rivista include servizi integrati di infrastruttura cloud di base. Sono dedicati alla sicurezza e la gestione.

È stata inoltre lanciata un’anteprima di Looker per Fogli Google. La piattaforma è eventualmente ampliata per supportare strumenti di visualizzazione come Tableau di Salesforce.

WHITEPAPER
Report Gartner: guida all’innovazione dell’analisi con la composizione in cloud
Cloud
Cloud storage

Google ha acquisito Looker nel 2020 in un accordo del valore di 2,6 miliardi di dollari.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp