Facebook, Google, Microsoft e Twitter insieme per la portabilità dei dati - Big Data 4Innovation
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Facebook, Google, Microsoft e Twitter insieme per la portabilità dei dati

big data cloud
Miti Della Mura

La notizia, nei suoi termini essenziali, è che Facebook, Google, Microsoft e Twitter, qui citate in rigoroso ordine alfabetico, hanno dato vita a un nuovo progetto, o, per essere più precisi a una iniziativa open source denominata Data Transfer Project, dedicata allo sviluppo di strumenti che consentono la portabilità dei dati tra servizi e service provider diversi, senza necessità di scaricarli e ricaricarli.

Nel dare l’annuncio, Google sottolinea come già un decennio fa con il lancio del Data Liberation Front si era preoccupata di garantire ai consumatori la possibilità di collocare i loro dati dove desideravano e di spostarli ovunque e in qualunque momento desiderassero. Un tema, quello della portabilità dei dati, che negli anni si è sempre più sentito e che con l’entrata in vigore del GDPR ha assunto anche carattere di urgenza.

Che cosa è Data Transfer Project

Con Data Transfer Project il livello di attenzione si è ulteriormente alzato, almeno stando a quanto si legge nei blog post delle società che hanno aderito all’iniziativa: il lavoro in questa fase si concentra sullo sviluppo di strumenti in grado di convertire le API proprietarie di ciascun servizio in un ristretto numero di formati standard utilizzabili da chiunque. E viceversa.
Questo, in sintesi estrema, consente di trasferire i dati tra due diversi provider utilizzando infrastrutture e meccanismi di autorizzazione standard, quali, ad esempio, OAuth.
Al momento dell’annuncio, i partecipanti dichiarano di aver sviluppato degli “adapter” per sette diversi provider e per cinque tipologie diverse di dati, a dimostrazione della bontà dell’approccio e della sua estensibilità verso un numero ancora più ampio di casi d’uso, con l’obiettivo di garantire agli utenti un maggiore controllo sui loro dati senza inficiare né la privacy né la sicurezza.

Portabilità dei dati cruciale per i servizi cloud

“Questo progetto facilita la portabilità diretta dei dati tra diversi servizi cloud”, scrive a sua volta Microsoft, spiegando che i tool che garantiscono l’interoperabilità devono essere sviluppati secondo quattro principi chiave:
– Essere realizzati per gli utenti: per questo i tool devono essere aperti e interoperabili con gli standard industriali, oltre che intuitivi e di facile uso
– Devono utilizzare forti standard di privacy e di sicurezza, per evitare accessi indesiderati, furti di dati o altre manomissioni
– Mantenere un focus specifico sui dati degli utenti, tenendo presente che la portabilità dei dati aziendali e la loro salvaguardia deve essere oggetto delle policy di ciascuna impresa
– Rispettare le informazioni private relative alle persone i cui dati sono oggetto di trasferimento.

Da Facebook, Google, Microsoft e Twitter un white paper e uno spazio su GitHub

Sempre nel proprio post, Microsoft sottolinea come portabilità dei dati e interoperabilità siano elementi chiave nei percorsi di innovazione correlati all’uso e alla diffusione del cloud. E un percorso di portabilità service-to-service è particolarmente strategico in tutti quei contesti nei quali l’utente non ha banda sufficiente per gestire i passaggi di download e upload.

Per facilitare l’arrivo a bordo di altri contributor, le quattro società hanno rilasciato un white paper nel quale si presenta l’iniziativa e i suoi obiettivi, mentre al progetto è dedicata un’area su GitHub.

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi