Coronavirus e didattica a distanza: Cisco e IBM estendono il loro supporto a tutta l’Europa

Cisco e IBM lanciano un’iniziativa congiunta a supporto degli studenti in Europa per garantire la continuità delle lezioni durante l’emergenza derivante dalla diffusione del Covid-19

Pubblicato il 16 Apr 2020

shutterstock_558582388

Nel perdurare della fase di lockdown e, conseguentemente, della necessità di potenziare la scuola a distanza a causa della crisi da Coronavirus, IBM e Cisco stanno rafforzando il proprio impegno nel supporto agli insegnanti e agli studenti europei costretti a insegnare ed apprendere da remoto. L’iniziativa congiunta permette alle scuole di tutta Europa di avere a disposizione gratuitamente di aule virtuali in cui poter non solo continuare con l’attività didattica, ma anche ricreare il tipico “ambiente classe”, in cui studenti e insegnanti possono confrontarsi e supportarsi, in vista soprattutto delle verifiche di fine anno.

IBM ha messo a disposizione 3.000 tutor e volontari qualificati per supportare gli insegnanti nell’utilizzo del tool Cisco Webex, che consente organizzare e registrare videoconferenze, condividere contenuti didattici dai loro schermi, comunicare con gli studenti attraverso diverse app e ricevere istantaneamente i loro feedback. L’iniziativa è già stata lanciata in numerosi paesi europei, tra cui Austria, Repubblica Ceca, Germania, Finlandia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Slovacchia, Spagna e Regno Unito, solo per citarne alcuni. Finora, il programma è stato adottato da almeno 200.000 studenti in oltre 2.000 scuole in tutta Europa.

Potete leggere anche:

Nella lotta al Coronavirus, Cisco Webex sostiene scuole e aziende

Immagine fornita da Shutterstock.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4