Processi aziendali

Cos’è il Business Process Reengineering e come migliora l’azienda

L’obiettivo principale del BPR è ridisegnare radicalmente i processi esistenti per ottenere miglioramenti significativi in termini di costi, qualità, tempi di consegna e soddisfazione del cliente. Ecco come

Pubblicato il 12 Set 2023

Backup cloud

Il Business Process Reengineering (BPR) consiste nel reingegnerizzare, oppure almeno ripensare, i processi aziendali – parziali o totali – , anche rimodellandoli. Processi riguardanti un’organizzazione in generale o una struttura interna. L’obiettivo è infatti rendere più efficiente la fruizione delle informazioni in ottica data-driven.

Ecco quali sono i principi chiave che li governano, quali vantaggi offrono per migliorare l’efficienza aziendale, quali le sfide da fronteggiare, il ruolo dell’innovazione e della tecnologia. Oltre agli errori da non commettere e i casi di successo da emulare.

Cos'è il Business Process Reengineering e come migliora l’azienda
Credits: Headvisor

I principi chiave del Business Process Reengineering: ripensare i processi aziendali

Alcuni dei principi chiave del Business Process Reengineering consistono nel ripensare i processi, concentrarsi sui risultati, guardare ai processi end-to-end. Inoltre, altre chiave di volta sono l’eliminazione delle attività non necessarie e l’utilizzo della tecnologia, a partire dall’automazione.

Tuttavia ogni azienda può decidere di adattare la metodologia alle proprie esigenze specifiche.

Per ripensare i processi, occorre sfidare le pratiche esistenti e ripensare completamente i processi aziendali. Il BPR richiede infatti di mettere in discussione le routine consolidate, cercando nuovi modi di fare.

Focus del BPR è migliorare i risultati aziendali: ridurre i costi, aumentare l’efficienza, migliorare la qualità del prodotto o servizio e soddisfare meglio le esigenze dei clienti. L’enfasi è dunque da porre sugli obiettivi finali, concentrandosi sui risultati, più che sui dettagli delle attività.

Il BPR guarda inoltre ai processi aziendali end-to-end, nel loro insieme, dall’inizio alla fine. Ciò significa che il ridisegno dei processi deve prendere in considerazione tutte le attività coinvolte, in un approccio olistico, inclusi i collegamenti tra i vari reparti o funzioni aziendali.

Nel BPR si cerca di eliminare le attività che non aggiungono valore al processo o al cliente finale. Questo può comportare l’automazione di determinate attività, considerate non necessarie, la semplificazione dei flussi di lavoro o fare a meno di passaggi ridondanti.

How "business process re-engineering" (BPR) works

How "business process re-engineering" (BPR) works

Guarda questo video su YouTube

Altri concetti cardine

Ridisegnare i processi aziendali può rendere l’azienda più flessibile e reattiva ai cambiamenti del mercato. Eliminando vincoli ed ostacoli e semplificando le procedure, si può accelerare il tempo di risposta e adattarsi più rapidamente alle nuove richieste o alle opportunità di mercato.

Il BPR può inoltre aiutare a migliorare l’esperienza del cliente, riducendo i tempi di attesa, semplificando le procedure di acquisto o fornendo servizi personalizzati. Ciò può portare a una maggiore soddisfazione del cliente e a una fidelizzazione più elevata.

Il Business Process Reengineering incoraggia l’adozione di nuove tecnologie e l’innovazione nei processi aziendali. L’integrazione dei sistemi, l’automazione dei processi e l’utilizzo di strumenti digitali possono contribuire a ottimizzare le operazioni e a migliorare l’efficienza complessiva dell’azienda.

Innovazione e coinvolgimento

Inoltre il BPR sfrutta l’innovazione tecnologica per migliorare i processi aziendali. L’automazione, l’integrazione dei sistemi e l’uso di strumenti digitali possono contribuire a ottimizzare le operazioni e a raggiungere i risultati desiderati.

Infine, coinvolge attivamente i dipendenti dell’azienda. L’engagement è importante, come lo è ascoltare le loro opinioni e coinvolgerli nel processo di ridisegno, poiché sono loro che lavorano quotidianamente nei processi e possono fornire preziose informazioni sulle inefficienze o sulle opportunità di miglioramento.

I vantaggi del Business Process Reengineering per migliorare l’efficienza aziendale

Il Business Process Reengineering offre diversi vantaggi per migliorare l’efficienza aziendale: taglio dei costi, aumento della produttività e della flessibilità e velocità, miglioramento della qualità, livello superiore di customer experience. Grazie a un approccio strategico e ben pianificato al BPR, è possibile ottenere questi benefici, coinvolgendo i dipendenti e adattando la metodologia alle specifiche esigenze dell’azienda.

Il BPR mira a eliminare le attività non necessarie o ridondanti, ottimizzando i flussi di lavoro: ciò riduce i costi operativi, alzando il grado di efficienza e tagliando i costi complessivi dell’azienda.

Ridisegnando i processi aziendali in modo più efficiente, il BPR può contribuire a migliorare la produttività dei dipendenti. Eliminando attività superflue o semplificando i flussi di lavoro, si può ottenere una maggiore capacità di produzione con le stesse risorse.

Il BPR può consentire di migliorare la qualità dei prodotti o dei servizi forniti. Riducendo gli errori o le attività non conformi, si può garantire una maggiore precisione e affidabilità, soddisfacendo meglio le esigenze dei clienti.

Business Process Reengineering
Individuare i processi da reingegnizzare (credits: Haedvisor)

Gli errori da evitare nel BPR: le sfide da affrontare

Nel Business Process Reengineering, ci sono errori comuni da evitare: la mancanza di coinvolgimento dei dipendenti, la concentrazione esclusiva sulla tecnologia, la mancanza di analisi dei processi esistenti. Altre sfide da affrontare ed errori da non commettere: l’assenza di misurazione dei risultati, la resistenza al cambiamento, la mancanza di leadership e di supporto esecutivo. Per evitare questi errori, è sufficiente pianificare attentamente, offrire una comunicazione efficace. Oltre a gestire il cambiamento adeguatamente e puntare sul coinvolgimento attivo dei dipendenti e dei dirigenti.

Uno dei principali errori è non coinvolgere adeguatamente i dipendenti nell’intero processo di BPR, arrecando vari danni. Per esempio, le resistenze al cambiamento, mancanza di adozione di nuove pratiche e scarsa comprensione dei benefici del ridisegno dei processi.

È invece importante coinvolgere i dipendenti fin dall’inizio, ascoltando le loro opinioni e promuovendone il coinvolgimento attivo per garantire il successo del BPR.

Credits: Headvisor

Ulteriori errori

Altro errore comune è concentrarsi esclusivamente sulla tecnologia, senza considerare gli aspetti organizzativi e umani. Nonostante il ruolo della tecnologia come importante fattore abilitante nel BPR, occorre comprendere le esigenze aziendali, coinvolgere le persone e considerare gli aspetti culturali e organizzativi per ottenere risultati duraturi.

Sbagliato anche saltare la fase di analisi approfondita dei processi esistenti, prima dell’avvio del ridisegno. È importante comprendere appieno i processi attuali, identificando le inefficienze e le aree di miglioramento. Senza una corretta analisi, si potrebbero trasferire problemi o inefficienze nel nuovo processo.

Le sfide

Una sfida rilevante nel BPR consiste nella misurazione dei risultati ottenuti. È importante definire indicatori chiave di performance (KPI) e monitorare i progressi per valutare l’efficacia del nuovo processo. Senza tutto ciò, può essere difficile valutare il successo del BPR e apportare eventuali miglioramenti successivi.

Il BPR può incontrare resistenze al cambiamento da parte dei dipendenti o dei dirigenti. Paura dell’incertezza o perdita di controllo. Sono timori in grado di ostacolare l’implementazione del nuovo processo. Bisogna invece gestire attentamente il cambiamento, coinvolgere le persone, comunicare in modo chiaro i benefici del BPR e fornire supporto e formazione appropriati per superare la resistenza.

Il BPR richiede infine un forte sostegno da parte della leadership aziendale. Se mancano un impegno e una guida chiara, il successo del BPR può essere compromesso. È fondamentale che i dirigenti siano coinvolti attivamente nel processo, fornendo risorse adeguate, supporto e orientamento per garantire l’adozione e l’implementazione del nuovo processo.

Come implementare con successo il Business Process Reengineering in azienda

Servono una pianificazione accurata e un coinvolgimento attivo di tutti i livelli dell’organizzazione. I passaggi chiave da seguire consistono nell’analisi dei processi esistenti e nella definizione degli obiettivi (allineati con la strategia aziendale e focalizzati sull’aumento dell’efficienza, della qualità e della soddisfazione del cliente).

Altri nodi per implementare con successo il Business Process Reengineering, riguardano la progettazione dei processi futuri (a partire da un team multidisciplinare per un’ampliare la prospettiva e la collaboration) e coinvolgere il personale.

Bisogna inoltre gestire il cambiamento, effettuare test e valutazione (raccogliendo anche feedback dal personale coinvolto e apportando via via eventuali aggiustamenti necessari) e rendere graduale l’implementazione.

Occorre infine monitorare (dati e valutazioni) e migliorare nuovi processi continuamente, oltre ad esplorare soluzioni digitali, tool di automazione e altre tecnologie innovative per semplificare e ottimizzare le attività.

Il BPR richiede tempo, sforzo e un approccio strategico, oltre a flessibilità e capacità di adattarsi ai cambiamenti lungo l’intero percorso.

Business Process Reengineering

Studi di casi di successo nel Business Process Reengineering

Esempi di successo nel campo del Business Process Reengineering (BPR) sono case history di marchi famosi: Ford Motor Company, Amazon, IBM, McDonald’s e Procter & Gamble. Aziende che hanno apportato miglioramenti significativi in termini di efficienza, qualità e customer satisfaction.

Dagli anni ’90, la Ford ha ridisegnato i loro processi di produzione, introducendo tecnologie avanzate e migliorando la collaborazione tra dipartimenti. Questo ha portato a una significativa riduzione dei tempi di produzione e dei costi operativi.

Amazon, che ha fatto dell’innovazione e dell’ottimizzazione dei processi aziendali il suo marchio di fabbrica, ha implementato il BPR per migliorare l’efficienza logistica e la gestione degli ordini.

Attraverso l’automazione, l’ottimizzazione dei flussi di lavoro e l’utilizzo di algoritmi avanzati, Amazon è riuscita a ridurre i tempi di consegna e migliorare l’esperienza complessiva dei clienti.

Business Process Reengineering

Altre case history

Negli anni ’90, IBM ha affrontato una crisi finanziari, deciso di implementare il BPR per ridurre i costi e migliorare l’efficienza. Ha ridisegnato i processi aziendali, semplificando le strutture organizzative e adottando nuove tecnologie. Così ha recuperato, diventando un’azienda più agile e competitiva.

McDonald’s ha inoltre implementato il BPR per migliorare la velocità e la precisione del servizio ai clienti. Hanno introdotto tecnologie come l’automazione delle ordinazioni e il self-service. Hanno semplificato i loro processi di produzione alimentare, migliorato la pianificazione e la gestione delle scorte. La soddisfazione del cliente e le vendite sono dunque aumentate.

Procter & Gamble ha infine adottato il BPR per migliorare la gestione della supply chain e ridurre i costi. Hanno ridisegnato i loro processi di approvvigionamento. Oltre a migliorare la collaborazione con i fornitori e introdurre tecnologie avanzate. Il fine è monitorare e ottimizzare la catena di approvvigionamento. Ha ottenuto così maggiore efficienza. Ma anche una riduzione dei tempi di consegna e una migliore gestione degli stock.

Business Process Reengineering
Amazon

L’importanza dell’innovazione nel Business Process Reengineering

L’innovazione nel Business Process Reengineering (BPR) è fondamentale perché consente alle aziende di migliorare l’efficienza e la produttività dei loro processi aziendali.
L’obiettivo principale del BPR è ridisegnare radicalmente i processi esistenti per ottenere miglioramenti significativi in termini di costi, qualità, tempi di consegna e soddisfazione del cliente.

L’innovazione nel BPR può dunque avvenire in diverse forme:

  • tecnologie avanzate (robotica o RPA, l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, per eliminare l’errore umano e migliorare la qualità complessiva);
  • nuovi modelli di business (servitization per offrire un modello basato su abbonamento o servizi digitali);
  • approccio centrato sul cliente (con personalizzazione dei prodotti);
  • adottando processi agili.

Misurare i risultati del Business Process Reengineering

È cruciale la definizione di indicatori chiave di performance (KPI) e monitoraggio dei progressi. L’obiettivo è quello di valutare l’efficacia del nuovo processo.

Cosa sono i KPI e perché sono così importanti - Visibilità

Il ruolo della tecnologia nel Business Process Reengineering

La tecnologia riveste il ruolo di importante fattore abilitante nel BPR. Infatti offre strumenti e soluzioni per rendere più performanti i processi aziendali.

L’automazione dei processi, elemento chiave del BPR, consente di automatizzare attività manuali o ripetitive, riducendo i tempi di esecuzione, aumentando la precisione e riducendo gli errori umani. La tecnologia sfrutta strumenti come l’automazione dei processi robotici (RPA) o i sistemi di gestione dei flussi di lavoro.

Le aziende hanno sistemi separati per diverse funzioni aziendali, come la gestione delle vendite, la gestione degli acquisti o la gestione delle risorse umane. L’integrazione dei sistemi consente l’integrazione di questi sistemi, creando un flusso di informazioni più efficiente e riducendo la ridondanza dei dati. Questo permette una visione più completa e unificata dei processi aziendali.

Automazione nel Business Process Reengineering

Le altre tecnologie utili

L’analisi dei dati permette di raccogliere, elaborare e analizzare grandi quantità di dati aziendali. Essa consente di identificare inefficienze, punti critici e possibili aree di miglioramento. Sempre all’interno dei processi aziendali. Migliora così il processo decisionale e a guidare il processo di ridisegno dei processi.

La piattaforme collaborative, la messaggistica istantanea e software di gestione dei progetti consentono inoltre una comunicazione più rapida e fluida, facilitando il coordinamento delle attività e la condivisione delle informazioni.

La mobilità e l’accesso remoto, per consentire ai dipendenti di accedere ai sistemi e ai dati aziendali da ogni luogo e in ogni momento, favoriscono la flessibilità e l’agilità nell’esecuzione dei processi aziendali. Permettono infine ai dipendenti di lavorare in modo più efficiente e di rispondere rapidamente alle esigenze dei clienti.

New call-to-action

Business Process Reengineering vs Continuous Improvement: quale approccio scegliere

La scelta tra Business Process Reengineering (BPR) e Continuous Improvement dipende dalle esigenze e dall’obiettivo dell’organizzazione. Entrambi gli approcci puntano ad apportare miglioramenti significativi ai processi aziendali. Tuttavia sono approcci leggermente diversi e generano risultati differenti.

Il Business Process Reengineering coinvolge una riconsiderazione completa e radicale dei processi aziendali esistenti. I miglioramenti sono significativi e spesso radicali in termini di produttività, efficienza e qualità dei processi. Il BPR richiede un cambiamento drastico: può richiedere un’implementazione più lunga e complessa. Ma i risultati possono essere dirompenti e rilevanti le trasformazioni aziendali.

D’altra parte, il Continuous Improvement, il miglioramento continuo, si focalizza sull’ottimizzazione dei processi esistenti attraverso piccoli miglioramenti incrementali nel tempo. Si basa sull’idea che miglioramenti costanti e continui possono portare a risultati importanti nel tempo. Richiede un impegno a lungo termine per identificare e attuare miglioramenti sui processi aziendali, coinvolgendo spesso tutti i livelli dell’organizzazione.

La scelta tra BPR e Continuous Improvement dipende dalla situazione specifica dell’organizzazione. Se l’organizzazione richiede un cambiamento radicale e una trasformazione significativa dei processi, il BPR potrebbe essere l’approccio più adatto. Tuttavia, se l’organizzazione ha bisogno di miglioramenti costanti e graduali nel tempo, il Continuous Improvement potrebbe rivelarsi più adeguata.

Alcune organizzazioni sfruttano entrambi gli approcci in modo complementare. Per esempio, un progetto di BPR permette di risolvere problemi critici; invece implementare il Continuous Improvement permette, in seguito, di mantenere e migliorare costantemente i processi nel tempo.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5