La Data-Driven Economy al centro di Cerved Next

La seconda edizione di Cerved Next ha visto la partecipazione di oltre 1800 professionisti. Al centro c'è stata la necessità di impostare un modello di business incentrato sui dati [...]
  1. Home
  2. Big Data
  3. La Data-Driven Economy al centro di Cerved Next

L’economia e l’intera società saranno sempre più dominate dal paradigma Data-Driven, in cui l’analisi e il governo dei dati avranno un ruolo fondamentale: questa la principale conclusione della seconda edizione di Cerved Next, l’evento italiano organizzato da Cerved in collaborazione con IAB Italia e ACMI, che ha visto la partecipazione di  1.800 professionisti, manager e imprenditori  (su 4.000 iscritti) di aziende, istituzioni finanziarie e pubbliche amministrazioni. Come ha messo in luce Andrea Mignanelli, Amministratore Delegato di Cerved, il potenziale dei dati è enorme e, nei prossimi anni, la sfida sarà soprattutto quella di liberare questo potenziale e di imparare a leggere i dati giusti, così da prendere le migliori decisioni possibili. Due in particolare, sono gli ambiti su cui i dati potranno davvero fare la differenza, perchè accomunano tutte le organizzazioni: la necessità di crescere e proteggersi dal rischio.

Ad esempio i dati e le tecnologie, possono aiutare a velocizzare i processi in sicurezza e garantire l’accesso al credito a realtà finora escluse dai circuiti bancari. Non a caso uno dei filoni della seconda edizione di Cerved Next è stato “Credit Revolution”:  si è dunque parlato di open banking, alternative lending, fintech, intelligenza artificiale applicata al credito, ma anche di “Future of Business” (trust economy, big data, blockchain, data visualization, digital transformation impact) e “Marketing Transformation” (programmatic advertising, SEO e CRO, web analytics, customer journey transformation, growth hacking, human-based marketing).

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Big Data
Marketing

“Quando si parla di futuro e innovazione nessuno può avere le risposte e spesso il cammino è incerto, quindi la cosa più importante è imparare a farsi le domande giuste – ha proseguito Mignanelli -. Come cambierà l’intelligenza e come la definiremo? Quale sarà la relazione tra uomo e macchine? Come cambierà il nostro modo di lavorare e il nostro rapporto con i clienti? Come cambierà il denaro? Occasioni come Cerved Next sono importanti perché ci permettono di porci queste domande, di confrontarci con persone diverse da noi e di sentire il punto di vista di chi ne ha fatto uno scopo di vita”.

 

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*