La Commissione Ue spinge sui Big Data: un miliardo di euro per i supercomputer - Big Data 4Innovation
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

La Commissione Ue spinge sui Big Data: un miliardo di euro per i supercomputer

Un miliardo di euro per contribuire a sviluppare un’infrastruttura europea di supercomputer che consenta all’Ue di essere all’avanguardia su scala globale nell’analisi dei big data e nel loro utilizzo in ogni campo dell’economia digitale, dalla sanità alla cyber security, dall’automotive alle energie rinnovabili. E’ il piano presentato nei giorni scorsi dalla Commissione europea per investire, insieme agli Stati membri, sui supercomputer, nell’ottica della competitività e dell’indipendenza nel campo dell’economia dei dati. “Oggi, sempre più spesso gli scienziati e le industrie europei elaborano i propri dati al di fuori dell’UE – si legge in una nota della Commissione – in quanto i tempi di calcolo disponibili nell’UE non soddisfano le loro esigenze. Questa mancanza di indipendenza minaccia la vita privata, la protezione dei dati, i segreti commerciali e la proprietà dei dati, con particolare riguardo alle applicazioni sensibili”.

Per ovviare a questo problema la Commissione ha deciso di dare mandato all’impresa comune EuroHPC, con una nuova struttura legale e di finanziamento, per creare e implementare  in tutt’Europa un’infrastruttura di calcolo ad alte prestazioni (Hpc) e sostenere un programma di ricerca e innovazione per sviluppare hardware e sotware, quindi tecnologie, macchine e applicazioni per i supercomputer.

Scendendo più nel dettaglio, L’Ue destinerà a EuroHpc circa 486 milioni di Euro, a cui si aggiungeranno gli investimenti dei singoli stati membri, per arrivare entro il 2020 a un ammontare complessivo pari approssimativamente a un miliardo di euro di fondi pubblici, a cui si dovranno poi aggiungere i contributi in natura dei privati che avranno aderito al progetto..

“I supercomputer sono il motore per alimentare l’economia digitale – afferma Andrus Ansip, vicepresidente della Commissione europea responsabile per il Mercato unico digitale – La concorrenza è accanita e oggi l’Ue sta rimanendo indietro: nessuno dei nostri supercomputer figura nella classifica mondiale dei primi dieci. L’iniziativa EuroHpc mira a dotare, entro il 2020, i ricercatori e gli imprenditori europei di capacità a livello mondiale in questo settore, al fine di sviluppare tecnologie come l’intelligenza artificiale e creare le applicazioni quotidiane del futuro – conclude – ad esempio nei settori della sanità, della sicurezza o dell’ingegneria”.

“I supercomputer sono già al centro di notevoli progressi e innovazioni in molti settori che interessano direttamente la vita quotidiana dei cittadini europei – aggiunge Mariya Gabriel, commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali – Possono aiutarci a sviluppare una medicina personalizzata, a risparmiare energia e a contrastare i cambiamenti climatici in modo più efficiente. Un’infrastruttura di supercalcolo europea più potente racchiude un grande potenziale per la creazione di posti di lavoro ed è un fattore fondamentale per promuovere la digitalizzazione del settore industriale e per incrementare la competitività dell’economia europea”.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi