Cloud computing, come impostare le strategie di backup e ripristino

cloud
  1. Home
  2. Big Data
  3. Cloud computing, come impostare le strategie di backup e ripristino

Backup e ripristino basati su cloud: ogni progetto parte da una serie di domande di base. Di cosa ho bisogno nel cloud? Come faccio a sapere quali dati locali sono replicabili nel cloud? Quali necessità e priorità in caso di disaster recovery? Rispondere a queste domande richiede molto tempo e un lavoro molto complesso. Di conseguenza c’è sempre la possibilità che le aziende non facciano una buona stima dei costi, con tutte le conseguenze associate. Proviamo a dare risposta in cinque punti.

Quale capacità è necessaria nel cloud?

Attualmente sono disponibili applicazioni che consentono alle aziende di identificare e dare priorità ai carichi di lavoro per il ripristino delle emergenze e il backup. In questo modo si può calcolare simultaneamente la dimensione dell’ambiente cloud. In breve, oggi le decisioni vengono prese sulla base di numeri e non di stime. Ovviamente gli architetti di soluzioni dei fornitori di servizi cloud ricevono un supporto analizzando i dati di sistema e verificando i potenziali problemi.

Come rimanere conformi?

La conformità oggi ha un significato diverso rispetto a prima. Un tempo era particolarmente importante poter eseguire un audit sulla sicurezza del data center. Oggi, le sanzioni per non conformità alle normative sono quasi pari al danno causato da una violazione della sicurezza. Le aziende hanno la responsabilità di garantire che i fornitori di servizi cloud con cui lavorano rispettino le leggi, come quelle sulla protezione dei dati. La conformità è diventata una parte importante del processo di selezione dei fornitori, proteggendo dati, asset finanziari e reputazione. I dati sono la risorsa più importante di un’azienda e quando vengono spostati nel cloud ci si deve poter fidare.

Per districarsi attraverso tutte le insidie ​​della conformità è consigliabile rivedere la combinazione di accreditamento di terze parti e le caratteristiche di conformità del fornitore; che deve essere abituato a lavorare attivamente con i team di rischio e conformità e avere le conoscenze per fornire monitoraggio e rendicontazione trasparenti. In un settore strettamente regolamentato, come la finanza o l’assistenza sanitaria, occorre cercare partner con conoscenze specializzate nell’ambiente di conformità in quel settore.

Come funziona il cloud con progetti di rete complessi?

Quando si pianifica il backup e il ripristino di emergenza è fondamentale creare un piano di rete per DraaS (Disaster Recovery as a Service) nel cloud. Ciò richiede che i parametri della rete interna o i nomi host siano adeguati. Farlo quando si verifica un incidente non è il modo giusto. È molto meglio creare una replica dello schema di rete interno nel cloud, in modo che tutte le applicazioni possano funzionare senza problemi.

Si consiglia inoltre un failover parziale (per parti di un’applicazione problematica) anziché un failover a livello di sistema. In caso di failover della VM (virtual machine) o del gruppo di VM rilevanti e del passaggio al cloud, l’ambiente locale può utilizzare la VM come se fosse parte della rete locale. Ciò consente di risparmiare manodopera e costi e offre un processo di failover rapido e sicuro.

Come organizzare i sistemi di recupero nel cloud?

Con il backup si possono conservare i dati, ma la domanda è: cosa farne? Come garantire che i sistemi tornino online in caso di disastro? Come funziona questo processo e quanto è facile testare un failover, registrare ciò che sta accadendo e usarlo come riferimento per rilevare irregolarità?

L’ideale è avere un failover sotto controllo e determinare l’ordine in cui tutti i sistemi sono di nuovo online, per avere un processo più efficiente con il minor numero di interruzioni. Gli strumenti migliori consentono di impostare gruppi di ripristino e organizzarli in un runbook in grado di dettare l’ordine e i tempi dei processi di backup.

Come gestire il backup basato su cloud e il ripristino di emergenza?

L’ultima sfida nella preparazione per il backup su cloud e il ripristino di emergenza è la gestione in corso. Il cloud offre molti vantaggi, ma richiede una mentalità diversa ed è opportuno avere la stessa visione a cui si è abituati in ambiente locale. Si sa che la comunicazione può essere interrotta durante un’evacuazione, quindi bisogna controllare di avere un comando di failover sullo smartphone per poter gestire l’ambiente. Potrebbe anche essere consigliabile impostare avvisi per fatturazione, prestazioni e sicurezza, in modo da avere le stesse opzioni di gestione di un layout locale e senza spiacevoli sorprese.

Backup e ripristino in cloud, quali sono gli ostacoli

WEBINAR
AI, protezione dei dati e flessibilità: anche questo è Storage
Intelligenza Artificiale
Storage

Le risposte a queste cinque domande forniscono gli aspetti critici della migrazione al cloud per il backup e il ripristino di emergenza. Disporre dell’ambiente giusto, che può crescere costantemente con la propria azienda, significa proteggere il futuro.

L’utilizzo del cloud continua a crescere. Tre aziende su quattro prevedono che nei prossimi anni oltre la metà della loro infrastruttura ICT sarà localizzata in cloud. Questa scelta è influenzata da tre fattori: il risparmio potenziale sui costi, la capacità di utilizzare capacità di archiviazione aggiuntiva o flessibile e il miglioramento della conformità.

Le aziende sembrano avere difficoltà a implementare il cloud per le loro strategie di backup e disaster recovery. Le preoccupazioni principali riguardano il recupero dei dati in caso di emergenza, i rischi per la sicurezza e i carichi di lavoro complessi.

Sebbene alcune aziende utilizzino il cloud per archiviare i backup fuori sede, molte altre utilizzano ancora l’approccio tradizionale di archiviazione dei backup su nastro o disco e il trasporto fisico fuori sede ogni giorno. Questo approccio comporta un rischio considerevole, poiché un dipendente è responsabile di questo compito e gli errori umani sono la causa principale dei tempi di inattività. Un fattore che può contribuire a questo approccio è che molte aziende utilizzano soluzioni separate per i loro ambienti fisici e virtualizzati, piuttosto che una soluzione che fornisce una protezione completa dei dati per tutti i loro ambienti fisici, virtualizzati e cloud.

Backup e ripristino, l’importanza di un approccio olistico

Le aziende stanno attualmente affrontando una triplice minaccia. Devono proteggere un numero maggiore di dati in più ambienti, basandosi su budget per l’IT in calo. Un approccio olistico al backup e al ripristino di emergenza è quindi l’unica opzione realistica.

Il cloud deve svolgere un ruolo cruciale in quello che viene chiamato un approccio “ibrido” al backup e al ripristino di emergenza: un’azienda salva una copia dei suoi dati localmente mentre ne memorizza un’altra esternamente nel cloud. Questo approccio combina le migliori pratiche di protezione dei dati con l’opzione di un ripristino locale più rapido e garantisce quindi una continuità aziendale ottimale, qualunque cosa accada.

L’idea di fondo è che le aziende non dovrebbero correre rischi con la protezione dei loro dati preziosi. Poche aziende possono sopravvivere alla perdita di dati su larga scala senza disporre di una strategia completa di backup e disaster recovery. Ciò significa che esse dovrebbero adottare un approccio ibrido al disaster recovery utilizzando il cloud e i tradizionali sistemi di backup locali per il disaster recovery e il backup nei loro ambienti fisici, virtuali e cloud.

 

 

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*