Nell’era del Cloud, cresce di pari passo anche l’Open Source

Gli architetti di software e gli sviluppatori dovrebbero essere consapevoli di entrambe le tendenze. Ma sul lungo termine, le competenze negli strumenti e nelle biblioteche open source forniranno più vantaggi sia ai professionisti che alle organizzazioni [...]
  1. Home
  2. Ricerche e Rapporti
  3. Nell’era del Cloud, cresce di pari passo anche l’Open Source

Negli ultimi anni, la migrazione al cloud e la proliferazione dei software open source (OSS) sono andate di pari passo. Secondo un recente studio condotto da IBM IBV (Institute for Business Value) un’impresa utilizza mediamente 8 cloud di fornitori diversi e nei prossimi 3 anni l’adozione del cloud ibrido crescerà del 47% nelle organizzazioni di tutte le dimensioni che arriveranno ad adottare fino a 6 cloud ibridi.

Un sondaggio condotto da O’Reilly Media e commissionato da IBM nell’autunno 2020 evidenzia una crescita di fiducia nei confronti dell’open source con 3.400 sviluppatori e manager IT che abbracciano l’OSS  poiché diminuisce il potenziale di vendor lock-in, abbassa i costi e consente sia lo sviluppo che la correzione dei bug per procedere più velocemente.

Il 64,6% considera più importanti le competenze relative alle tecnologie open source, come Linux, Kubernetes o Istio, mentre il 35,4% dà più valore alle competenze relative a una piattaforma cloud specifica, ad esempio AWS, Azure o Google.

Nella scelta dei fornitori di servizi cloud, il 70% degli intervistati indica una preferenza per quelli basati sull’open source. Ancora più rilevante, il 65% degli intervistati concorda sul fatto che l’esperienza e la partecipazione in progetti open source rappresentano un valore aggiunto per i potenziali datori di lavoro e si traducono in migliori opportunità professionali.

WHITEPAPER
Research Report: scopri qual è il ruolo del Cloud per le aziende italiane
Cloud
Cloud storage

 

Scarica il rapporto per scoprire altri risultati chiave di questo sondaggio.

 

 

Immagine fornita da Shutterstock.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*