Alleanze

Partnership fra Atos e VMware: focus su Data Spaces e Gaia-X

I due gruppi puntano ad allinearsi ai principi di Gaia-X, per aiutare i clienti a venire incontro alle richieste di sovranità e interoperabilità dei dati. Ecco come [...]
Partnership fra Atos e VMware: fari accesi sui Data Spaces
gaia-x-the-european-project-kicks-of-the-next-phase
  1. Home
  2. News
  3. Partnership fra Atos e VMware: focus su Data Spaces e Gaia-X

La partnership strategica di Atos e VMware si estende per allinearsi ai principi di Gaia-X. L’obiettivo è aiutare i clienti a venire incontro alle richieste di sovranità e interoperabilità dei dati.

Inoltre, i gruppi offrono insieme una proposta integrata di capacità che punta ad accelerare lo creazione dei Data Spaces. Ecco come.

Partnership fra Atos e VMware: gli obiettivi

La partnership fra VMware e Atos mira a sviluppare dei Data Space, con cui le aziende saranno in grado di offrire un insieme integrato di capacità, al fine di:

  • abilitare l’utilizzo e la condivisione di dati e applicazioni in modo più mirato e strategico;
  • favorire le economie digitali sia nazionali che regionali.

I Data Spaces rappresentano piattaforme che consentono:

  • maggiore scambio;
  • collaboration;
  • monetizzazione dei dati tra organizzazioni o settori differenti, a prescindere dall’infrastruttura sottostante, abilitando sovranità ed interoperabilità dei dati.

Infatti l’alleanza, oggi estesa, offrirà capacità allineate all’architettura Gaia-X e si comporterà da abilitatore chiave e promotore dell’iniziativa. L’obiettivo è quello di accelerare lo scambio di dati mediante nuove piattaforme digitali conformi a regole comuni.

Multi-cloud e modernizzazione delle app

Atos e VMware intendono combinare:

  • le capacità multi-cloud;
  • la modernizzazione le app di VMware con il cloud di Atos;
  • le competenze nella sicurezza informatica;
  • l’integrazione IT di Atos.

Le capacità puntano ad offrire gli elementi chiave per progettare, sviluppare, distribuire, proteggere meglio e gestire velocemente i Data Spaces conformi ai requisiti giurisdizionali di governance dei dati.

Aziende ed organizzazioni, inoltre, possono usare e monetizzare i dati esistenti per creare servizi di machine learning e intelligenza artificiale e abilitarne di nuovi, mirati per alcuni settori:

  • Sanità e scienze biologiche: semplificando la fusione e lo scambio di dati sanitari per velocizzare la ricerca e gli studi clinici;
  • Servizi finanziari: attraverso servizi ed ecosistemi di collaborazione cross-company e cross-border, per esempio con una piattaforma di finanza sostenibile nel rispetto dei requisiti ambientali, sociali e di governance (ESG);
  • Utilities: migliorando le reti elettriche per la ricarica dei veicoli elettrici.

“VMware e Atos sono partner di lunga data e condividono l’impegno ad aiutare le organizzazioni a realizzare il maggior valore dai dati”, commenta Frédéric Malicki, CTO, Southern Europe, Atos. “Sostenendo l’accelerazione dello sviluppo del Data Space e della sovranità dei dati con le capacità di VMware e Atos, offriremo ai clienti gli strumenti per ottenere valore non solo dai propri dati, ma anche dai dati federati, in collaborazione con partner e aziende a noi simili. Le organizzazioni possono trasformare i dati esistenti in nuovi servizi che, per esempio, possono aiutare gli agricoltori a prevedere meglio il tempo atmosferico o le organizzazioni sanitarie a migliorare le condizioni di vita degli anziani con una gestione automatizzata dell’energia”.

I dettagli

VMware e Atos offrono le seguenti capacità:

  • VMware Tanzu Data Services: per lo sviluppo e il deployment rapidi e scalabili di applicazioni moderne nel Data Space attraverso team e cloud trasformando la modalità con cui le imprese costruiscono, eseguono e gestiscono le applicazioni su Kubernetes. I Tanzu Data Services sono servizi di base che fanno parte dell’offerta VMware Tanzu.
  • VMware Cloud Foundation: per collegare il Data Space all’infrastruttura cloud, comprese le piattaforme di archiviazione dei dati e per sfruttare i dati già esistenti;
  • VMware Versatile Data Kit: per ridurre il “lavoro non pianificato” utilizzando un Data SDK (elementi chiave per creare applicazioni di dati con il minimo sforzo e un framework di plugin per estendere o ispezionare qualsiasi parte dell’applicazione dati; e un Control Service Server pergestire i lavori sui dati costruendo, confezionando, installando, tracciando le dipendenze e mantenendo il versioning);
  • Capacità cloud di Atos: per il supporto al passaggio verso il business digitale;
  • Atos Edge e Bare Metal-as-a-Service: per semplificare i casi d’uso e abilitare il continuum edge-to-cloud;
  • Prodotti e servizi Atos Cybersecurity: per mantenere la privacy, l’integrità e la disponibilità dei dati;
  • Atos Digital Hub: per sviluppare piattaforme su misura condivise e trasparenti che abilitano e orchestrano catene di valore in ecosistemi estesi data-driven.

Reversibilità, interoperabilità e portabilità offerte dai partner cloud di VMware supportano le capacità.

Inoltre, i dati ospitati su un framework peer-to-peer comune assicurano la compatibilità dell’architettura tra i fornitori di cloud.

Infine, le organizzazioni possono collocare i loro dati presso uno qualsiasi dei cloud provider partecipanti per massimizzare i benefici dai servizi che offrono, pur mantenendo, a seconda delle esigenze, la possibilità di muovere le app o federare i dati su altre piattaforme cloud provider.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp