Esteso il crowdfunding a favore di Dooitu, start up italiana del fai-da-te creativo

In soli due anni Dooitu è tra i top player del mercato italiano, con 1 milione di fatturato, 15.000 clienti registrati e fidelizzati, e progetti ambiziosi

Pubblicato il 23 Gen 2020

DOOITU
DOOITU LOGO

Raggiunto il minimo di 100 mila euro di raccolta in poco tempo, si estende la campagna di crowdfunding su Mamacrowd a favore di Dooitu. Dooitu è una start up italiana di e-commerce, attiva nel settore del fai-da-te creativo. In soli due anni si è posizionata tra i top player del mercato italiano, con 1 milione di fatturato, 15.000 clienti registrati e fidelizzati, e con progetti molto ambiziosi.

Il fai-da-te, un mercato in crescita

Il mercato mondiale del fai-da-te (do-it-yourself, DIY) vale 600 miliardi di dollari, di cui 85% generato in Nord America ed Europa, e di cui 90 miliardi sono relativi alla ‘nicchia’ del fai-da-te creativo. E sono numeri in crescita.
Le ragioni dipendono dalla sempre maggiore disponibilità di tempo libero e dal desiderio di dedicarlo ad attività interessanti, personali, accessibili, realizzando al contempo qualcosa di concreto, utile e originale.
Senza dimenticare l’aspetto, in aumento, del riciclo e riutilizzo di oggetti, rimodernati, in un’ottica eco-sostenibile.

Paolo Barbone, fondatore Dooitu

Il fondatore e CEO di Dooitu Paolo Barbone, con una grande esperienza nei settori digitale IT, e-commerce, logistica, fai-da-te creativo e relativi canali produttivi e distributivi, commenta così: “E’ con grande soddisfazione che vediamo l’interesse che stiamo suscitando tra gli investitori, sia singoli privati che aziendali, in questa campagna di crowdfunding a favore di Dooitu. Persone e realtà che apprezzano la bontà della nostra attività e che hanno compreso il grande potenziale di sviluppo, nostro e del mercato. Lieto di poter estendere la scadenza su Mamacrowd per poter permettere anche a molti altri di partecipare”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!


Who's Who


Aziende


Argomenti


Canali

Articoli correlati

Articolo 1 di 2