AI e Cloud per una società più inclusiva: Microsoft presenta il Decalogo dell’Azienda Accessibile

Microsoft e i membri dell’alleanza Ambizione Italia per l'Accessibilità e l'Inclusione hanno emesso una serie di linee guida per promuovere, tramite le nuove tecnologie, il valore della Diversità. Presentate le linee di intervento e i progetti tech che supportano l'inclusività [...]
  1. Home
  2. Intelligenza Artificiale
  3. AI e Cloud per una società più inclusiva: Microsoft presenta il Decalogo dell’Azienda Accessibile

Una serie di linee guida, spunti e proposte per rendere le organizzazioni e in generale la società davvero inclusiva attraverso il digitale. È il Decalogo dell’Azienda Accessibile, sviluppato da Microsoft Italia assieme ai 30 membri dell’alleanza Ambizione Italia per l’Accessibilità e l’Inclusione.

L’obiettivo è mettere in luce necessità e requisiti per promuovere la Diversità e formulare una dichiarazione di intenti da presentare al Governo per dare concretezza alle sfide emerse e unire le prospettive in un confronto tra aziende e istituzioni.

“In questa fase così delicata, in cui è prioritario definire piani e strategie per la ripartenza, è doveroso pensare anche all’inclusione sociale. Mai come ora è necessario sensibilizzare tutti sui temi della Diversità e dell’Inclusione e agire tempestivamente affinché le persone con disabilità siano percepite come una vera risorsa, anche grazie alle nuove tecnologie” ha dichiarato Barbara Cominelli, Direttore Marketing & Operations Microsoft Italia.

Le linee di intervento per aumentare l’inclusività

Sono cinque le aree di intervento individuate:

  • SENSIBILIZZAZIONE per incoraggiare un cambiamento culturale all’interno delle aziende e nella società a favore di una maggiore inclusività anche attraverso la creazione di un hub digitale con attività ad-hoc nelle scuole.
  • FORMAZIONE per creare figure aziendali specializzate sui temi dell’Accessibilità e dell’Inclusione con un focus sulle nuove tecnologie in grado di facilitare la creazione di contesti di lavoro inclusivi.
  • EMPLOYABILITY a favore di persone diversamente abili con programmi di valorizzazione delle competenze nelle imprese e attività di orientamento nelle scuole per facilitarne l’ingresso nel mondo del lavoro
  • AFFIANCAMENTO costante delle persone disabili in azienda, attraverso programmi dedicati per l’onboarding e attività di tutoring.
  • INCENTIVI e NORMATIVE con una revisione profonda che porti a una semplificazione amministrativa per l’assunzione dei lavoratori disabili, a una più ampia differenziazione e riconoscimento delle categorie protette in base per esempio alla disabilità fisica, sensoriale o cognitiva e infine l’avvio di agevolazioni per le aziende che assumono persone con disabilità.

I progetti tech che valorizzano la diversità

Sviluppatori ed esperti hanno ispirato nuove progettualità a supporto dell’Accessibilità e dell’Inclusione nella vita quotidiana e in azienda, facendo leva sulle nuove tecnologie come Intelligenza Artificiale e Cloud Computing. In particolare, sono quattro i progetti di business che sono emersi durante hackathon e sessioni di sviluppo.

MOMO AID è un’app basata sull’AI che supporta le persone sorde traducendo la lingua dei segni in testo o discorso e viceversa. Utile in caso di emergenza per esempio di una persona sorda al pronto soccorso, che ha bisogno di comunicare agli operatori sanitari i sintomi che percepisce; ma anche in azienda per un servizio clienti più inclusivo.

WHITEPAPER
Scopri la soluzione per ottenere un approccio agnostico e sicuro ai servizi cloud?
Cloud
Hybrid cloud

SPETTRO è un software per lavorare su file audio che rende più accessibili gli strumenti di editing alle persone disabili poiché con l’AI rende automatiche determinate funzionalità. In questo modo, promuove l’assunzione di persone non vedenti o ipovedenti, nel settore della produzione audio.

TOUCH FREE sostituisce la funzionalità touch sui monitor dei totem con gesti, consentendo alle persone di accedere allo stesso tipo di servizio in modo più sicuro. La soluzione può essere utilizzata anche da persone disabili con problemi di movimento perché la tecnologia riconosce il gesto dell’intera mano. L’obiettivo è anche quello di integrare il movimento della testa, aumentandone l’accessibilità.

HOW CAN I è un’app basata sull’AI che funge da motore di ricerca comprendendo tutorial e suggerimenti per rendere la vita privata e professionale più semplice alle persone con disabilità, aiutandole a risolvere piccoli o grandi problemi e ad essere più indipendenti.

 

 

Immagine fornita da Shutterstock.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*