SHaReD: un bando per le start up pronte a rispondere alle emergenze

Il lancio di un progetto frutto della collaborazione di Fondazione Pesenti, Università Bocconi e Politecnico di Milano, per incentivare la nascita e lo sviluppo di startup innovative nel campo della gestione di eventi catastrofici. Solo per le tre migliori, sei mesi di incubazione gratuita presso Speed MI Up [...]
  1. Home
  2. Business Intelligence
  3. SHaReD: un bando per le start up pronte a rispondere alle emergenze

Aumentare significativamente gli sforzi per affrontare sempre più prontamente diversità, complessità e imprevedibilità dei rischi di catastrofi naturali. A questa esigenza, Fondazione Pesenti risponde con il progetto SHaReD, acronimo di Social Hazards Resilience in Disaster, lanciando una sfida ad aspiranti imprenditori, piccole e medie imprese che dovranno proporre nuove idee in termini di previsione, prevenzione, pianificazione e assistenza post emergenza per accelerare i processi di recupero e adattamento al cambiamento. I tre progetti migliori verranno premiati con sei mesi di incubazione gratuita presso Speed MI Up, l’Officina di imprese e professioni che opera per accelerare lo sviluppo di business e capacità imprenditoriali attraverso formazione e tutorship individuali.

La resilienza come risposta alle calamità naturali

Gli anni passano e sempre più evidente diventa il frequente e grave alternarsi di fenomeni disastrosi di diversa entità: sismici, vulcanici, eolici (uragani, tornado, tifoni), idraulici (inondazioni), idrogeologici (frane), siccità. Il ritmo sempre più serrato e le proporzioni catastrofiche (per estensione delle aree colpite e per il numero di persone coinvolte) di queste calamità naturali pone fortemente a rischio la vita delle persone, imponendo costi economici e sociali davvero pressanti alle comunità colpite. Ecco che Resilienza, diventa la parola d’ordine per reagire. Un concetto che, in generale, indica la capacità di un sistema di adattarsi al cambiamento e trasposto nel campo dei grandi rischi, si traduce in modalità creative di collaborazione volte alla prevenzione e alla gestione delle calamità, all’introduzione di nuove tecnologie di previsione, alla gestione ed interpretazione (deep learning) di big data secondo la formula delle tre P: prevenire, prevedere, pianificare. La resilienza, infatti, non è un mero sistema di risposta all’emergenza; al contrario, affinché un sistema possa definirsi resiliente è essenziale che esso sia in grado di ripristinare tutte le funzioni chiave il più rapidamente possibile.

Un progetto con e per le startup

Il progetto SHaReD ha uno scopo ben preciso: elevare il grado con cui individui, comunità, organizzazioni pubbliche e private sono in grado di organizzarsi per imparare dal passato, ridurre il rischio futuro e mantenere un livello accettabile di funzionamento e struttura nel presente.

WHITEPAPER
Come modernizzare l'infrastruttura nell’era dei dati grazie al cloud computing?
Big Data
Business Analytics

Intende però rispondere anche alla necessità di rafforzare la competitività del territorio nell’innovazione delle tecniche di resilienza e di valorizzare i giovani talenti nei loro percorsi di crescita e in questo senso un grosso contributo può arrivare da soluzioni digitali, in da alcuni degli ambiti applicativi dell’Internet of Things.

Partner dell’iniziativa

Fondazione Pesenti, in qualità di strumento per la promozione e la diffusione di una cultura dell’innovazione capace di creare un impatto positivo a livello sociale, ambientale e culturale, si è rivolta alle startup innovative. I tre progetti migliori vinceranno sei mesi di incubazione gratuita presso Speed MI Up, l’incubatore di Università Bocconi e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, con la partecipazione del Comune di Milano.

Come candidarsi

Le domande devono essere presentate sul sito fondazionepesenti.speedmiup.it dal 12 novembre 2018 al 7 gennaio 2019. Il bando è rivolto ad aspiranti imprenditori e micro, piccole e medie imprese con sede legale e/o operativa a Milano e provincia oppure disposte a spostarla a Milano entro tre mesi dall’inizio del processo di incubazione previsto nel febbraio 2019.

 

 

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*