Business intelligence, cos’è, a cosa serve, il software

La business intelligence permette alle aziende che l'adottano di perfezionare il servizio clienti, ottimizzare le relazioni pubbliche, affinare la percezione dell’azienda da parte di clienti, azionisti e potenziali clienti e infine incrementa la competitività [...]
Estensione di Grail: per una business analytics più rapida e precisa
  1. Home
  2. Business Intelligence
  3. Business intelligence, cos’è, a cosa serve, il software

La Business intelligence (BI) combina insieme business analytics, data mining, data visualization, data tool e infrastrutture.

Ma soprattutto utilizza le best practice per aiutare aziende e organizzazioni a prendere decisioni migliori secondo un approccio data-driven e, quindi, ottimizzare le performance aziendali.

Infatti, all’inizio puntava ad analizzare lo storico dei dati raccolti per arrivare a illustrare con precisione cos’era già successo. Invece ora si sta evolvendo, passando da strumento per l’analisi retrospettiva a strumento per analisi sempre più in tempo reale e analisi predittiva.

Cos’è la business intelligence

La business intelligence è il processo che usa la tecnologia al fine di aiutare il mondo business a organizzare, analizzare e contestualizzare i dati di business, attraverso una molteplicità di tool e tecniche per trasformare dati grezzi in informazioni significative e operative.

Grazie alle analisi dei dati associate, la business intelligence consente di generare un impatto sul ciclo di vita e sulla crescita aziendale. Rendere le informazioni facilmente accessibili e interpretabili consente di migliorare le decisioni da prendere. Decisioni ottimali che permettono di migliorare le prestazioni di un’azienda o di un’organizzazione.

Inoltre, la business intelligence permette di godere di una visione completa dei dati della propria azienda o organizzazione, dati da sfruttare per promuovere il cambiamento, azzerare le inefficienze e generare un veloce adattamento alle nuove tendenze di mercato e nelle supply chain.

In poche parole, dunque, la business intelligence risponde ai seguenti interrogativi: “Cosa è successo?” e “Cosa bisogna cambiare?”.

Business intelligence
Business intelligence

Cosa fa un business intelligence analyst

Il business intelligence analyst usa la BI per creare valore dai dati e per trasformare le informazioni in una comunicazione efficace e puntuale:

  • scattando un’istantanea per conoscere ciò che avviene ciascun giorno, ogni mese dentro e fuori dall’azienda;
  • sfruttare i dati per effettuare previsioni future.

In particolare, il business intelligence analyst revisiona i dati per generare rapporti finanziari e di market intelligence, permettendo di analizzare i dati e consegnare informazioni operative in grado di aiutare i seguenti ruoli esecutivi a prendere decisioni:

  • executive;
  • manager;
  • dipendenti che devono prendere decisioni relative al business.

Lo aiuta un sistema centralizzato di business intelligence con un unico datawarehouse con i dati storicizzati e tutte le operazioni di transcodifiche, elaborazioni e arricchimento delle informazioni.

WHITEPAPER
Retail: come costruire il buyer journey perfetto grazie ai dati?
Fashion
Retail

Grazie ai report e a un processo ad alto tasso di tecnologia, l’analista di BI riesce infatti a mettere in risalto pattern e tendenze in un mercato che possono avere un impatto significativo sulle operazioni e sui futuri obiettivi da conseguire da parte di un’impresa.

L’analista di business intelligence sfrutta la collaboration, non solo con i propri partner, ma anche con i fornitori delle supply chain, clienti e perfino i competitor.

Il business intelligence analyst opera in base ai dati e al data analytics, usando BI e data trend per trarne vantaggio:

  • l’emergenza della collaboration-mining;
  • l’evoluzione della dashboard;
  • l’ascesa del data lineage;
  • l’utilizzo dell’automazione per stimolare l’azione.

I compiti dell’analista di BI

Inoltre, l’analista di business intelligence ha il compito di:

  • accelerare la trasformazione digitale;
  • monitorare la qualità dei dati per creare valore;
  • gestire i dati in conformità con le normative esistenti;
  • impiegare strumenti tali da produrre engagement a livello di ogni ruolo professionale;
  • promuovere la data science collaborativa nell’azienda;
  • innovare il data management nella trasformazione digitale;
  • produrre report, fornendo al contempo elementi per orientare decisioni data-driven;
  • rilasciare analytics con dati accessibili a tutti i livelli corporate.

Business Intelligence: Software per Analisi, Controllo di Gestione ...

Strumenti e sistemi di business intelligence

I software e sistemi di business intelligence offrono opzioni dedicate per specifiche esigenze di business. Comprendono:

  • piattaforme complete;
  • data visualization;
  • applicazioni di software embedded;
  • software di location intelligence software;
  • self-service software realizzati per utenti senza competenze tecnologiche.

 

ctamicrostrategy_hyperintelligence

Vantaggi per le aziende

La business intelligence, che si utilizza spesso in tandem con la business analytics, aiuta a:

  • capire sia ciò che sta accadendo nel proprio ambito di business sia perché sta avvenendo;
  • migliorare e perfezionare il processo di decision-making;
  • pianificare future.

Grazie alla BI, inoltre, le aziende che usano la business intelligence possono:

  • prendere decisioni in maniera più tempestiva e affidabile;
  • ridurre i costi (tagliando non solo gli impegni di marketing, ma anche correggendo errori, risolvendo problemi e la mancata soddisfazione dei clienti);
  • aumentare la velocità;
  • anticipare i trend e rispondere alle situazioni inattese.

Inoltre, man mano che il volume dei dati aumenta, sembra sempre più difficile, se non impossibile, processare i dati di business velocemente ed individuare tendenze nascoste, pattern e driver di business. Infatti, le soluzioni di data analytics possono aiutare la customer experience rendendo il processing time più rapido dell’80%.

Vantaggi per le imprese misurabili

Dall’adozione di un sistema di business intelligence, infatti, un’azienda può:

  • aumentare ricavi e profitti (ottimizzando i livelli di servizio e migliorando le vendite fornendo informazioni puntuali e rapide; offrendo una migliore visione dell’intero processo, dall’ordine all’incasso e accelerando il cash-flow);
  • individuare i clienti più redditizi (e offrendo loro una reportistica tempestiva e chiara come servizio aggiuntivo);
  • scoprire opportunità di cross-selling;
  • perfezionare le politiche di prezzo;
  • tagliare i costi, con una visione chiara dei centri di costo e una riduzione dei costi operativi (identificando i colli di bottiglia, migliorando i processi produttivi, ottimizzando il magazzino, riallocando le risorse professionali sui progetti strategici)

Altri benefici per le aziende

Infine le aziende che adottano la BI si prefiggono i seguenti risultati:

  • perfezionano il servizio clienti;
  • ottimizzano le pubbliche relazioni;
  • affinano la percezione dell’azienda da parte di clienti, azionisti eccetera;
  • incrementano la competitività.

Video

Business Intelligence Overview: un’introduzione alle discipline della data science

I business intelligence software

I software più diffusi di business intelligence sono:

In generale, dunque, i principali software appartengono a una di queste categorie:

  • programmi gratuiti e open source
  • software entry-level di Self-BI;
  • programmi completi (che comprendono al loro interno un DWH);
  • software ETL (extract – transform – load) per trasformare i dati (svantaggio: elevata barriera all’ingresso in termini di costi che di skill da acquisire; ma hanno il beneficio di monitorare l’intera azienda e realizzare processi di BI anche molto complessi).

Criteri per i programmi di BI

Ecco, poi, i parametri fondamentali per scegliere i software:

  • quante persone impiegheranno i tool in azienda;
  • le competenze in ambito data management in possesso degli utenti;
  • la complessità necessaria per catturare fotografie realistiche dell’azienda e poter prendere decisioni corrette, raggiungendo gli obiettivi prefissati.

Evoluzione della BI in strumento predittivo

Infine, le aziende che riescono a trasformare la BI in strumento predittivo riescono a spiegare come un fenomeno, come per esempio le dinamiche di vendita, si sono verificate in passato e come potranno concretizzarsi ed evolvere in futuro.

Infatti, dai dati disponibili è necessario ricavare un modello del fenomeno sotto la lente di analisi e non limitarsi a uno storico. Tuttavia la scelta di trasformare o meno la BI in strumento predittivo dipende dalle dimensioni aziendali: in una grande azienda ha senso, in termini di incremento di utili e ricavi; invece può essere irrilevante in imprese dalle piccole dimensioni.

I rischi che si corrono non usando la BI

Chi non adotta la BI corre dei rischi: la frammentazione, l’incompletezza, la mancanza di validazione e documentazione.

Dunque, chi rinuncia a questo strumento rischia di navigare a vista tra il caos e decisioni prese d’istinto o in base allo storico, senza disporre dei dati necessari a supportare le decisioni. Senza BI un’azienda rischia di usare criteri non sufficienti a evitare rischi e imprevisti, soprattutto nel New Normal post-pandemia.

WHITEPAPER
I dati sono davvero il nuovo petrolio? Se si, ecco come sfruttarli al meglio! Una guida per te

business intelligence azienda

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*