Big Data: ogni giorno prodotti 3 quintilioni di Byte

A contribuire alla crescita del volume di dati ci sono anche i sistemi embedded, il cui peso è destinato ad aumentare progressivamente [...]
  1. Home
  2. Big Data
  3. Big Data: ogni giorno prodotti 3 quintilioni di Byte

L’esplosione del volume di dati prodotti da utenti e imprese può essere quantificata: ogni giorno vengono generati circa 3 quintilioni di byte (cifra che si scrive con 18 zeri). Lo rivela un’analisi di Cefriel, che ha seguito diversi progetti in ambito Big Data: a raggiungere questa cifra contribuiscono i dati derivanti da mobile e interazione tra persone, tra cui ad esempio le 187 milioni di email, i 38 milioni di messaggi Whatsapp, i 18 milioni di sms scambiati ogni minuto. Non solo: sempre in un minuto i video realizzati su Snapchats toccano i 2,4 milioni, i login su Facebook arrivano a 973 mila, i tweet inviati sono 481 mila e gli scroll su Instagram fino a 174 mila. Non meno rilevanti, sempre in 60 secondi, sono anche i quasi 900mila dollari spesi in e-commerce, o le 375 mila app scaricate.  A contribuire ulteriormente ai Big Data ci sono le informazioni generate dai sistemi embedded, che passeranno da meno del 2% di soli 5 anni fa ad oltre il 10% del totale dati disponibili.

WHITEPAPER
La guida per pianificare un Data Journey efficace
Big Data
Business Analytics

Come mette in evidenza Francesco Mapelli, responsabile della practice di Advanced Analytics di Cefriel “Negli ultimi due-tre anni è stato creato quasi il 90% dei dati disponibili ad oggi e questa enorme quantità può essere utilizzata per incrementare l’efficienza delle aziende, migliorare la relazione con i clienti e creare nuove opportunità di business, raggiungendo nuovi clienti e conquistando nuovi mercati”. Le conseguenze di questa crescita di dati sono notevoli anche dal punto di vista professionale: sempre più professionisti dovranno raccogliere, catalogare e tradurre in opportunità di business gli oltre 40Zetta Byte (cifra con 21 zeri) che sono oggi a disposizione.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*