A IBM Think l'appello di Bob Sutor: vorrei realtà italiane in Q Network per il Quantum Computing - Big Data 4Innovation
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

A IBM Think l’appello di Bob Sutor: vorrei realtà italiane in Q Network per il Quantum Computing

Miti Della Mura

Nel corso di IBM Think Milano abbiamo incontrato Bob Sutor, Vice President IBM Q Strategy and Ecosystem, uno dei massimi esperti sulle tematiche del quantum computing e delle sue applicazioni, con il quale abbiamo avuto l’opportunità di confrontarci sia sul perché è importante la ricerca sul Quantum Computing, sulle direzioni che IBM sta seguendo e sulla costruzione di un ecosistema intorno a questa nuova frontiera del computing.
Ecco cosa è emerso da questo incontro.

“La ricerca sul Quantum Computing nasce da quando in IBM abbiamo cominciato a pensare ai limiti computazionali nella gestione di una serie di tematiche troppo complesse per essere affrontate con metodologie tradizionali”.
Accanto a questo tema, se ne è affiancato un altro, vale a dire come poter fare computing intensivo – necessario ad esempio agli ambiti della ricerca e della data sciencein modo efficiente e sostenibile».

In IBM una rete e una community per il Quantum

Affrontare queste tematiche per IBM si è tradotto in due azioni concrete: una rete,  Q Network, cui partecipano ricercatori, aziende, università, che hanno cominciato a costruire quantum computer letteralmente “dalla teoria alla pratica”, e una community, Q Experience, con il primo quantum computer in cloud, della quale fanno parte oltre 85.000 utenti in tutti i continenti, con oltre 1.500 università aderenti, 300 istituzioni pubbliche e private.

In Q Network IBM lavora con gli esperti, i chimici, i ricercatori del mondo AI, gi propri esperti, le banche, per trovare quei clienti quelle università che si focalizzano sulla computazione e sugli algoritmi e che vogliono fare ricerca.

Ma tra le aziende, le istituzioni, le università che fanno parte di Q Network non ci sono realtà italiane e da Sutor arriva forte l’invito a farsi avanti, un desiderio di annoverare anche l’Italia tra i partner di questo viaggio verso il futuro.

Leggi l’intervista integrale a Bob Sutor a questo link.

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi