Pure Storage, ecco l’architettura Hyperscale per l’enterprise

Con DirectFlash Fabric sarà possibile per le aziende l’unificazione del Cloud. Chadd Kenney: “Le applicazioni non possono più essere confinate dietro alcuna barriera”. Presentata anche la soluzione “ObjectEngine” per la protezione dei dati [...]
  1. Home
  2. Sicurezza e Privacy
  3. Pure Storage, ecco l’architettura Hyperscale per l’enterprise

Approcciare il cloud ibrido con un nuovo livello di infrastruttura unificata, abilitando il funzionamento delle applicazioni in qualsiasi ambiente e proteggendo i dati ovunque. Saràpossibile grazie alla funzionalità DirectFlash Fabric aggiunta da Pure Storage, società specializzata nello storage all-flash, per il supporto end-to-end dei protocolli NVMe e NVMe-oF all’interno di Purity 5.2, l’engine software-defined dei propri prodotti FlashArray//X.

DirectFlash Fabric, spiega la società in una nota, consente ai clienti di migliorare le prestazioni delle applicazioni enterprise mission-critical e delle nuove applicazioni web-scale che tradizionalmente sono sempre state affidate allo storage direct-attached (DAS).

“Il futuro risiede nell’erogazione di applicazioni e servizi alla velocità del pensiero – sottolinea Chadd Kenney, vice president of Product and solutions di Pure Storage – A questo scopo le applicazioni non possono più essere confinate dietro alcuna barriera: esse devono interagire, comunicare tra loro e condividere i dataset in tempo reale. Le architetture devono convergere e infrangere le barriere che esistono oggi. DirectFlash Fabric è un componente essenziale per aiutare le aziende a unificare i SAN, DAS e Cloud”.

DIGITAL EVENT 18 GIUGNO
Think Digital Summit: tecnologie e trend verso una nuova normalità
Cloud
Sicurezza

Tra le altre novità appena presentate da Pure Storage c’è anche ObjectEngine, la soluzione nativa nel cloud per la protezione dati per fornire ripristino senza interruzioni nel cloud e On-premise. Progettata per esaltare la centralità del dato nelle aziende e creata con tecnologie cloud-native di StorReduce recentemente acquisita da Pure – si legge in una nota – ObjectEngine unifica ulteriormente il cloud e l’on-premise con un backup e ripristino rapido e senza interruzioni tra i due mondi.

“Per troppo tempo, la protezione dati e il backup sono stati considerati più come un’assicurazione che come una risorsa strategica – afferma Matt Burr, General manager for FlashBlade di Pure Storage – Nel mercato ultra competitivo odierno, le aziende sono chiamate a cogliere qualsiasi vantaggio per assicurarsi il massimo valore dai propri dati. Ciò significa ripristino veloce per garantire che i dati siano di nuovo in uso produttivo il più rapidamente possibile: attendere settimane o giorni non è concepibile. ObjectEngine offre un approccio evoluto e cloud-centrico alla business continuity che può supportare i clienti più visionari a valorizzare al meglio i propri dati”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*