In Spagna la nuova IBM Cloud Multizone Region con cui CaixaBank digitalizzerà il business

La nuova MZR di IBM si inserisce nella sua strategia volta ad aiutare le organizzazioni europee nel distribuire anche carichi di lavoro mission-critical nel cloud ibrido, assicurando elevati livelli di sicurezza e adempiendo ai requisiti di data sovereignty e conformità normativa. Grazie al nuovo accordo, CaixaBank potrà avviare il suo progetto CloudNow che mira a far evolvere le applicazioni core aziendali, migliorare l’efficienza e rafforzare la visione innovativa dei servizi finanziari con availability e resilienza potenziate [...]
  1. Home
  2. News
  3. In Spagna la nuova IBM Cloud Multizone Region con cui CaixaBank digitalizzerà il business

IBM continua ad investire nella crescita del business in Europa ponendo le basi per una crescente fiducia nei confronti dell’economia digitale e, accanto alla creazione di centinaia di posti di lavoro in Spagna, lancia proprio qui la prima IBM Cloud Multizone Region (MZR). L’obiettivo è quello di aiutare le organizzazioni europee nel distribuire carichi di lavoro mission-critical nel cloud ibrido, assicurando elevati livelli di sicurezza e adempiendo ai requisiti di data sovereignty e conformità normativa.

Fresca la notizia del nuovo accordo con CaixaBank, principale gruppo finanziario spagnolo e uno dei più grandi istituti finanziari in Europa, volto a potenziare le capacità digitali dell’istituto bancario grazie all’utilizzo di IBM Cloud for Financial Services e all’accelerazione favorita dalla MZR. Supportata da un ecosistema in crescita di oltre 100 partner tecnologici e FinTech, la piattaforma IBM Cloud for Financial Services è progettata per trainre la trasformazione delle istituzioni finanziarie affrontando al contempo i potenziali rischi sistemici del settore lungo tutta la supply chain: infatti, incorpora controlli di sicurezza e conformità built-in per aiutare le aziende a ridurre le barriere normative che ostacolano la modernizzazione informatica e delle applicazioni IT.

Nell’ambito di questo specifico accordo, Kyndryl, la nuova società pubblica indipendente creata in seguito alla separazione della divisione di business Managed Infrastructure Services di IBM, aiuterà CaixaBank a integrare il nuovo modello di cloud ibrido, con la possibilità di accedere durante tutto il percorso alle funzionalità di sicurezza e automazione e alle soluzioni di Red Hat, come alla rete IBM Cloud per un supporto nella gestione della proprietà dei dati e della conformità alle normative. Al contempo, IBM Global Business Services metterà a disposizione dell’organizzazione la propria esperienza con l’obiettivo di sostenere le opportunità di innovazione.

Così, CaixaBank potrà avviare il suo progetto CloudNow che mira a far evolvere le applicazioni core aziendali, migliorare l’efficienza e rafforzare la visione innovativa dei servizi finanziari con availability e resilienza potenziate. E in questo, le MZR di IBM giocano un ruolo cruciale: infatti, tutti i data center di cui si compongono (tre o più) costituiscono singole Availability Zone, di modo che un singolo guasto o interruzione possa essere limitato ad un solo data center anziché espandersi in tutte le zone.

WHITEPAPER
Quali sono le minacce digitali che mettono in pericolo le vendite al dettaglio?
Retail
Sicurezza

“Questa partnership è un ottimo esempio del nostro impegno ad utilizzare tutto il potenziale della tecnologia per far evolvere il tessuto imprenditoriale e sociale”, ha affermato il CEO di IBM, Arvind Krishna “Le soluzioni di cloud ibrido e AI di IBM aiuteranno CaixaBank a rafforzare il suo modello di business e migliorare la customer experience”.

Lo ribadisce il CEO di CaixaBank, Gonzalo Gortazar “Questa collaborazione ci ha aiutato a combinare le nostre attuali infrastrutture tecnologiche con un ambiente aggiornato e potenziato dalla tecnologia cloud e dall’intelligenza artificiale. La nuova MZR rappresenta una pietra miliare per continuare a offrire ai nostri 21 milioni di clienti la migliore user experience mantenendo i più alti livelli di riservatezza e protezione delle informazioni”.

 

Immagine fornita da Shutterstock

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*