LinkedIn: data analysis, data mining, la data science entra tra i top skill - Big Data 4Innovation
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

LinkedIn: data analysis, data mining, la data science entra tra i top skill

Data Analyst
Miti Della Mura

C’è una chiara corrispondenza tra l’attenzione che il mercato esprime nei confronti di determinati trend tecnologici e l’effettiva ricerca di competenze e figure professionali che le aziende vogliono portare a bordo. È quanto emerge dalla ricerca Top Skill 2018 pubblicata in questi giorni da LinkedIn, dalla quale emergono i profili, o sarebbe più corretto dire, le competenze, maggiormente richieste in fase di ricerca di talenti. In effetti, dall’analisi emerge che cloud e competenza sull’analisi e sul mining dei dati sono ai primi posti nell’ambito dei cosiddetti hard skill, vale a dire le competenze di tipo più prettamente tecnologico.

Come è strutturata l’analisi di LinkedIn

Nello stilare il proprio studio, che è stato condotto a livello globale e che dunque prende in esame tutti i 562 milioni di utenti mondiali del network, 11 dei quali nel nostro Paese, LinkedIn fa riferimento a due macro-categorie di competenze: da un lato gli hard skill, per l’appunto le competenze di tipo più tecnico, dall’altro i soft skill, ovvero le modalità con cui si interagisce con gli altri e si risponde alle diverse situazioni.

Cloud e data analysis negli hard skill

Per quanto riguarda gli hard skill, dunque, si cercano specialisti cloud, competenti in tutto quanto ha a che vedere con l’elaborazione distribuita, competenze che figurano al primo posto della graduatoria di LinkedIn . Al secondo posto troviamo analisi statistica e data mining, segno che in una società sempre più governata dai dati, servono figure che sappiano gestirli, analizzarli e trasformali in informazioni di business.
La terza competenza è quella legata alle attività di integrazione, dunque alla gestione del middleware, mentre al quarto posto si collocano le competenze in ambito architetturale e di sviluppo.

Lo smart working influenza la ricerca di soft skill

Se si guarda invece agli skill di tipo “soft”, appare evidente il peso che le politiche di smart working, sempre più diffuse anche nel nostro Paese, hanno nella selezione delle competenze.
Perché se in primo luogo si cercano nei candidati doti di leadership e capacità di comunicazione, le ulteriori qualità richieste sono quelle di collaboration e di time management, vale a dire la capacità di lavorare insieme a tutti gli attori della propria filiera e di ben gestire i propri tempi, in una logica di efficienza.

Le evidenze italiane

Marcello ALbergoni LinkedIn
Marcello ALbergoni – LinkedIn Italy

Come accennato, i dati fin qui citati si riferiscono all’intero network LinkedIn . La società ha poi rilasciato qualche evidenza più specifica per il nostro mercato, andando ad analizzare tre settori considerati particolarmente dinamici: il mondo bancario, quello legale e il mondo dell’automotive. È singolare che, accanto alle competenze specifiche di settore, ad esempio l’engineering e la progettazione per il mondo dell’automotive o le capacità gestionali nel mondo bancario, ci sia una ricerca comune a tutti e tre i settori: quella di figure con capacità analitiche, in grado cioè di leggere e interpretate dati e situazioni.
Cosa che sottolinea anche Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn, secondo il quale la capacità di interpretare e gestire le moli di dati necessarie allo sviluppo del business è elemento distintivo per tutte quelle figure professionali che in questo momento stanno cercando nuove opportunità lavorative.

Ma quanti sono i data analyst e i data scientist in Italia?

I data analyst

Queste considerazioni ci hanno fatto sorgere spontanea una domanda: ma quanti sono effettivamente i data analyst e i data scientist nel nostro Paese? E, soprattutto, esiste un gap di competenze da colmare?
Abbiamo dunque effettuato una semplice ricerca proprio su LinkedIn, per cercare di avere un quadro, per quanto approssimativo, della situazione.

A livello mondiale troviamo al momento quasi 800.000 professionisti che si qualificano come data analyst: 372.000 sono negli Stati Uniti, mentre in Italia sono quasi 7.200.
In questo caso, le risorse nel nostro Paese sono numericamente analoghe a quelle che si trovano in Germania, e superiori a quelle spagnole, attestate a poco meno di 6.400 unità.
La partita si fa più dura con la Francia, che vanta quasi 10.800 analisti e non si entra nemmeno in gioco con il Regno Unito, che vanta oltre 78.400 data analyst. Ipotizziamo che questa sproporzione sia legata al ruolo del mondo finanziario in una Inghilterra ancora pre-Brexit.

I data scientist

Se parliamo invece di data scientist, a livello mondiale sono registrati su LinkedIn quasi 108.000 professionisti, di cui poco meno della metà, 48.600 sono negli Stati Uniti.
In Italia sono 1.743, o così emerge dal filtro su LinkedIn, 2.600 in Spagna, 4.600 in Germania, 7.400 in Francia e 8.500 nel Regno Unito.

 

Immagine di apertura: Data Analyst by Nick Youngson CC BY-SA 3.0 Alpha Stock Images

Giornalista, da trent’anni segue le tematiche dell’innovazione tecnologica applicata ai modelli e ai processi di business.Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’Internet of Things e delle sue declinazioni in un mondo sempre più coniugato in logica smart: smart manufacturing, smart city, smart home, smart health.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi