I giornalisti-robot? Sono alleati di quelli in carne e ossa - Big Data 4Innovation
FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

I giornalisti-robot? Sono alleati di quelli in carne e ossa

Antonello Salerno

Se in ogni redazione ci fosse un robot in grado di “sollevare” i giornalisti dai compiti più ripetitivi, questi avrebbero più tempo per lavorare a inchieste e storie multimediali. E’ la visione dell’intelligenza artificiale applicata al giornalismo secondo la visione di Francesco Paulo Marconi, che è a capo dell’R&D al Wall Street Journal oltre che responsabile dell’Editorial Lab. Marconi sarà il protagonista del primo incontro di Meet the media guru, l’iniziativa nata in collaborazione con Accenture e Digital360 che prenderà il via il 9 aprile a Milano, presso l’Auditorium del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci (Clicca qui per iscriverti), accreditato tra l’altro come evento per la Formazione Continua dei giornalisti.

Prima dell’attuale incarico al Wsj Marconi aveva fatto esperienza nella strategie e sviluppo media di Associated Press, ed è tra i mentori dell’Augmented jurnalism, impegno che gli è valso la nomina di Media Top Innovator da MediaShift20.

Ai Robot gli articoli ripetitivi, ai giornalisti le inchieste

Tra i suoi lavori la guida “How artificial intelligence will impact journalism”, grazie alla quale è entrato di diritto tra i più ascoltati analisti sulle prospettive del giornalismo e dei media: nel suo intervento a Meet the media guru si soffermerà proprio su come le nuove tecnologie stanno trasformando il mestiere di giornalista. Con ogni probabilità la sua analisi darà una risposta a chi teme che il digitale e le nuove tecnologie possano “uccidere” una professione antica, soppiantando gli umani con i robot: “Nel 2013 alcuni addetti al desk ci hanno chiesto di essere liberati dai compiti ripetitivi – aveva detto l’anno scorso durante un’intervista alla Repubblica – notizie per cui non ci vuole una grande creatività. Oggi – sottolineava – cerchiamo profili multimediali che siano a proprio agio con la tecnologia e abbiamo assunto uno dei primi automation editor”. Grazie all’AI si è deciso così di affidare a robot la scrittura di articoli “ripetitivi”, come quelli sugli andamenti economici o sui risultati sportivi, e questo ha dato ai giornalisti la possibilità di “dedicarsi a storie multimediali e a inchieste”.

Giornalista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all’Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un’agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, prima su CorCom, nel 2013, e poi anche per le altre testate del gruppo Digital360. Mi muovo su tutti i campi dell’economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


FacebookTwitterLinkedInWhatsApp

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all’uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi